Di pare e altri disagi

 

Ciao a tutti! Dato che questo è il primo vero e proprio post del blog, prendiamoci qualche riga per le presentazioni come si confà alle persone per bene: mi chiamo Erika, ho 23 anni, studio lingue e al momento vivo in Polonia, dove rimarrò a prendere freddo fino a febbraio. Altri fattacci sulla mia vita li apprenderete in seguito, ma per il momento ecco qualche spunto per inquadrare vagamente la mia persona, tramite questo semplice elenco di:

  • Cose che mi piacciono: i gattini, la pasta, le candele profumate, i tram, le lucine, i lavoretti di Natale, le passeggiate nei campi, gli asini, Paperinik, le fotografie, la sera, le vacanze al mare con gli amici, il verso dei gabbiani, le parole difficili, i calzini e le torte.
  • Cose che NON mi piacciono: i cetrioli, le ciabatte, i bagni pubblici, i tubi, gli omofobi, il rumore, i trapani, gli aghi, i coltelli di plastica, i verbi di moto in russo, i ritardi di Trenitalia, la scarsa igiene e l’arroganza.

Va detto che fino a qualche tempo fa, nella seconda categoria avrei infilato senza il minimo indugio anche gli esseri umani, magari al primo posto.
Ad oggi mi rallegro del fatto che non sia più così, (anche perché ormai la misantropia è diventata decisamente troppo di moda per essere divertente) e in questo blog, un po’ sempre da ora in poi, vorrei raccontarvi di come è avvenuta questa epifanica metamorfosi. Ok, forse epifanica metamorfosi è un po’ esagerato, diciamo che però le cose vanno meglio.
Da persona con mediamente poca autostima, ho sempre pensato di non essere esperta di niente.
Ho sempre avuto voglia di scrivere di qualcosa, ma non mi sono mai sentita sufficientemente preparata su nulla e questa paura di non saperne abbastanza (di cosa, oltretutto?) è sempre stata per me un freno non indifferente.
Oggi, in quell’atto ormai semi-démodé che è asciugare i piatti, pensavo che a dirla tutta, una cosa di cui ne so fin troppo, sotto sotto c’è: so indubbiamente, perfettamente e dettagliatamente che cosa significhi essere una persona introversa, timida, piena di paure ed evidentemente strana.
E ho pensato che si, ammetto di essere introversa, ammetto di essere timida. Non credo però di essere strana, nella misura in cui quella sacra Bibbia meglio nota come Treccani definisce questo aggettivo: “Diverso dal solito o dal comune, dal normale”.
Non credo che l’introversione e la timidezza siano mostri poi così fuori dal normale: col tempo mi sono accorta di quante delle mie paranoie e ansie sociali siano in un buon numero di casi condivise, ma raramente dette ad alta voce. E più di una cosa non si parla, più questa diventa strana.
Questo spazio nasce per dire ad alta voce che avere delle paure, da quella di parlare in pubblico a quella di salutare il verduriere, non è anormale.
La me di 10 anni fa che se la faceva sotto per qualunque cosa avrebbe voluto sentirselo dire. La me di oggi, nonostante i progressi fatti e l’esperienza acquisita, pure.
Ci sono poche cose che conosco meglio della paura di dire qualcosa ad alta voce, di essere al centro dell’attenzione, di parlare con uno sconosciuto o di fare qualcosa di nuovo. Conosco bene la sensazione di non sentirsi mai parte del gruppo, di sentirsi diversi, soli, di non riuscire a stare al passo, di non riuscire a risultare simpatici e soprattutto di non riuscire a capire il perché di tutto questo.
Se vi andrà di leggere, questo sarà un contenitore in cui poter raccontare disagi, paranoie e paure, per spiegarvi come le ho superate e per darvi dei consigli, ma anche no, perché a volte sentirsi dire “ma sai che capita anche a me?” è molto più confortante che sentirsi dire “devi fare così, vedrai che ti passa”.
Mi piacerebbe anche sentire le vostre storie, domande, riflessioni e tutti i vostri disagini.
Per questo e per qualsiasi altra cosa vi lascio i miei contatti qui.

Ci sentiamo presto su questi tecnologici schermi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...